DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

giovedì 29 aprile 2010

Sono 51.420 mila i visti d'ingresso a disposizione degli studenti extracomunitari che vogliono venire in Italia per l'anno accademico 20010/2011, 45.210 riservati a chi si iscrive in un'università, gli altri 6.210 mila a chi ha scelto accademie di arti drammatiche, danza e belle arti o conservatori.

Scarica il testo del Decretto:
http://www.stranieriinitalia.it/attualita-universitari_extraue_al_massimo_50_mila_ingressi_10857.html

lunedì 26 aprile 2010





Cittadinanza italiana, tra i moldavi prevalgono le donne
passaporto italiano
Il dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’interno italiano ha reso pubbliche le statistiche relative al 2009 in merito alle richieste di cittadinanza italiana.
La Moldova si piazza al nono posto nella classifica dei richiedenti cittadinanza per matrimonio con 969 domande presentate dopo Marocco, Brasile, Romania, Argentina, Albania, Ucraina, Russia e Cuba. Sono quasi esclusivamente le donne moldave ad aver chiesto il passaporto italiano dopo essersi sposate (con un cittadino italiano evidentemente), complessivamente sono state 955 contro 14 richieste avanzate da uomini.La Moldova scende invece al quarantatreesimo posto nell’elenco delle nazioni i cui cittadini hanno chiesto la cittadinanza italiana per residenza. Sono state presentate solo 65 domande di cui 36 da donne e 29 da uomini.
Complessivamente, su 258019 richieste ricevute, l’Italia dal 2004 al 2009 ha concesso a 223777 cittadini stranieri la cittadinanza italiana.



Visto per ricongiungimento, obbligo di trascrizione matrimonio in Moldova .

L'Ambasciata d'Italia in Moldova comunica che per i cittadini moldavi che hanno contratto matrimonio in Italia e fanno richiesta di visto per un eventuale ricongiungimento familiare verrà sempre richiesto sia il certificato di matrimonio italiano che quello moldavo su formato internazionale.
Tutti i cittadini moldavi che hanno contratto regolare matrimonio in Italia hanno infatti l'obbligo di registrare l'avvenuto matrimonio presso lo Stato Civile Moldavo.
Spesso accade che si richieda il ricongiungimento familiare depositando unicamente la certificazione dell'avvenuto matrimonio in Italia e risultando totalmente assente, anche dopo anni, la trascrizione presso lo Stato Civile Moldavo, che si ritorna a dire è un obbligo.
Nello stesso tempo si informa che la trascrizione del matrimonio contratto in Italia avviene con il deposito presso lo Stato Civile Moldavo di un certificato di matrimonio italiano tradotto ed apostillato dalla Prefettura italiana di competenza o rilasciato dal comune italiano direttamente su modello internazionale.

venerdì 23 aprile 2010

Corso per assistente familiare.

Attivato un corso di qualifica professionale per assistente familiare per complessivi 10 posti. 300 le ore.
Il corso, tenuto dall'Associazione ‘Capodarco Roma Formazione Onlus’ presso la sede di Via del Grottino, è riservato esclusivamente a candidati residenti o domiciliati in uno dei Comuni del Distretto sociosanitario RMH1, in possesso dei seguenti requisiti:
donne e uomini inoccupati o disoccupati, italiani o immigrati; donne e uomini occupati, italiani o immigrati, che prestano servizio di cura a persone anziane, in possesso di regolare contratto; soggetti immigrati extracomunitari e neocomunitari, che si occupano del lavoro di cura e sostegno familiare nell’ambito dell’assistenza privata a domicilio, in regola con le norme in materia di immigrazione; possesso della licenza di scuola Secondaria Inferiore o titolo superiore.
I requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda. Gli interessati dovranno utilizzare apposito modello di domanda, che potrà essere reperito presso l'Ufficio relazioni con il pubblico del Comune o sul sito: (Grottaferrata)
www.distrettormh1.it. 
La scadenza è fissata alle 12 del 4 maggio.

giovedì 22 aprile 2010

UTILITA


AEREI
 
ALBERGHI
 
TRENI


http://it.finance.yahoo.com/valute/convertitore/#from=EUR;to=USD;amt=1
Ştiri/Mass-media

www.protv.md Postul de televiziune ProTv

www.jurnaltv.md Televiziune de ştiri online

www.jurnal.md Portal de ştiri

www.stireazilei.md Ştirea zilei

www.azi.md Revista Moldova Azi

www.vipmagazin.md Revista oamenilor celebri

news.yam.md Ultimele ştiri din Moldova

www.trm.md Teleradio-moldova

www.radionoroc.md Un radio din inima Moldovei

Divertisment

www.clip.md Portal de video sharing

www.faces.md Cea mai mare comunitate online din Moldova

www.foto.md Portal foto

www.gameplay.md Portal dedicat jocurilor

www.rupere.md Rock WebZine

www.music.md Portal de muzică

www.diskoteka.md Portal de muzică

www.muztv.md MuzTV Moldova

Portaluri/Mail

www.moldova.org Portal despre Republica Moldova

www.mail.md Serviciu web mail

www.ournet.md Moldova Internet Resources

www.salut.md Portal despre Republica Moldova

www.blogosfera.md Comunitatea blogurilor din Moldova

Diverse

www.patria.md Rețea de cinematografe

www.bestjobs.md Cele mai BUNE locuri de munca din Moldova!

www.curs.md Informatii financiar-valutare

www.mama.md Forum pentru părinţi şi copii

De la 1 ianuarie 2011 cetăţenii Moldovei vor primi paşapoarte cu date biometrice

Cetăţenilor R. Moldova, de la 1 ianuarie 2011, le vor fi eliberate pentru călătoriile peste hotare doar paşapoarte care conţin date biometrice, iar documentele respective vor fi eliberate pentru un termen de 7 ani. Totodată, paşapoartele ce nu conţin date biometrice eliberate pînă la data de 1 ianuarie 2011 vor fi valabile pînă la expirarea termenului de valabilitate.
Prevederi în acest sens sînt incluse într-un şir de modificări la Legea cu privire la actele de identitate din sistemul naţional de paşapoarte, aprobate astăzi de Guvern şi care urmează a fi propuse spre adoptare forului legislativ.
Proiectul de lege, aprobat de Executiv, prevede între altele ca pentru paşapoarte, în categoria datelor biometrice, să fie incluse doar grupa sangvină, amprentele digitale şi fotografia digitală.

Alexandru Oleinic, ministru al Tehnologiilor Informaţionale şi Comunicaţiilor, a motivat această decizie prin faptul că în perioada de valabilitate a paşaportului, datele biometrice - statura şi culoarea ochilor - se schimbă în funcţie de vîrsta persoanei sau de unele circumstanţe şi nu pot fi folosite cu veridicitate la identificarea persoanei.

Oleinic a precizat că infrastructura de perfectare, eliberare şi procesare a paşapoartelor cu date biometrice a fost susţinută de Comisia Europeană, care a acordat asistenţă financiară în acest sens în valoare de 2 mln de euro.
Tot astăzi, Cabinetul de Miniştri a aprobat planul de acţiuni pentru asigurarea eliberării paşapoartelor biometrice, care prevede între altele procurarea în trimestrul II al anului curent de către Ministerul Tehnologiilor Informaţionale şi Comunicaţiilor a echipamentului pentru producerea paşapoartelor biometrice. De asemenea, planul prevede ca în august-septembrie 2010 la punctele de trecere a frontierei de stat să fie instalate echipamentele de procesare a paşapoartelor biometrice.
Eliberarea paşapoartelor biometrice constituie o condiţie obligatorie a UE faţă de R. Moldova pentru simplificarea regimului de vize. Acest tip de paşapoarte este acceptat şi recunoscut de UE în procesul de migraţie, care permite identificarea precisă a persoanei.
Autor: Moldpres
Sursa: moldpres.md

INVITAŢIE


 TÂRG DE INFORMARE PRIVIND PIAŢA MUNCII DIN MOLDOVA

8 mai 2010/ Padova, Italia



Agenţia Naţională  pentru Ocuparea Forţei de Muncă  din Moldova vă invită să participaţi la Târgul de informare despre piaţa muncii din Moldova organizat special pentru cetăţenii moldoveni care doresc să se reîntoarcă acasă şi să-şi folosească experienţa acumulată peste hotare în ţara lor de origine. 
Evenimentul este planificat să aibă loc la Padova Italia, pe data de 8 mai, între orele 10:00 şi 16:00, în incinta Salii de conferinţa a Hotelului Galileo Padova (via Venezia 30 - 35131 Padova) şi reprezintă una din cele mai semnificative activităţi adresate comunităţii moldoveneşti în cadrul proiectului UE „Consolidarea capacităţii Moldovei de gestionare a pieţei muncii şi de reîntoarcere a migranţilor”.
Târgul de informare va oferi celor interesaţi  posibilitatea să discute cu angajatori din diverse domenii: industria textilă, prelucrătoare, servicii, ş.a , companiile propunând  locuri de muncă şi salarii competitive atât pentru muncitori, cât şi pentru specialişti.
Anexat vă transmitem agenda evenimentului, cu speranţa că veţi da curs invitaţiei noastre.

Pentru informaţii suplimentare privind organizarea târgului de informare, o puteţi contacta pe dna Raisa Dogaru, care reprezintă ANOFM Moldova (tel: +373 22 22 77 96; fax: +373 22 73 37 81 E-mail: raisa.dogaru@anofm.md
Ion Holban,  Director General 
Agenţia Naţională de Ocupare a Forţei de Muncă
Târgul de informare despre piaţa muncii din Moldova este organizat şi cu suportul Ministerului

Muncii, Protecţiei Sociale şi Familiei din Moldova, Ministerului Muncii şi Protecţiei Sociale din Italia, Ambasadei Italiei în Moldova, Ambasadei Moldovei în Italia, Consulatului General în Bologna, Camerei de Comerţ şi Industrie Moldo-Italiană, Diaspora Moldovenilor din Italia. 

martedì 20 aprile 2010

LAVORO STAGIONALE.

Dalle ore 8.00 del 21 aprile i datori di lavoro possono presentare le
domande per i cittadini non comunitari residenti allestero, entro la quota
massima di 80.000 unità. Previste 4.000 unità per lavoro autonomo.

Dalle ore 08.00 del giorno 21 aprile 2010, sino alle ore 24.00 del 31
dicembre 2010, i datori di lavoro possono presentare le domande di nulla
osta per lavoro stagionale previste dal Decreto Flussi 2010, utilizzando
l’apposito programma disponibile per il download allindirizzo:

Fonte: Caritas Italiana

lunedì 19 aprile 2010


VISITE  PER  GLI  STRANIERI

CON  E  SENSA  PERMESSO  DÌ  SOGGIORNO
ORARIO STUDIO MEDICO  
DOTT.  EDUARD GHERCIU
COD.    912721  G/LT

Lunedi
Martedi 
Mercoledi
Giovedi
Venerdi
10.00- 12.00
13.00 – 15.30
10.00 – 12.00
13.30 – 15.30
10 .00– 12.00

INDIRIZZO: VIA POMEZIA 8, 
 00183 ROMA (RM)
TEL:    06 /70493894
      CELL:   329/4455136      
N.B.  VISITE PREVIO APUNTAMENTO
ANCHE : ELETTROCARDIOGRAMMA, ECOGRAFIA ADDOMINALE,
ANALISI  E CONSULENZE SPECIALISTICHE.

OFFERTE DI LAVORO IN MOLDOVA

L'Agenzia Nazionale per l'Occupazione della Forza Lavoro (ANOFM) con il supporto del progetto dell'Unione Europea "Consolidare le capacità della Moldova per la gestione del mercato del lavoro e del ritorno degli emigrati" in collaborazione con il Servizio Pubblico per l'Occupazione della Forza Lavoro di Veneto Lavoro, con il centro di formazione professionale ENAIP, con l'Ambasciata d'Italia in Moldova, con la Camera di Commercio e Industria Moldo-Italiana di Chişinău, con l'Ambasciata in Italia e il Consolato Generale di Bologna della Repubblica Moldova e con la diaspora moldava in Italia Vi invitano a partecipare l'8 maggio 2010 a Padova alla fiera di informazione riguardo ai posti di lavoro disponibili destinati ai cittadini moldavi che desiderino ritornare nel proprio paese
Gli organizzatori offrono alle imprese in modo gratuito uno spazio attrezzato per la promozione della propria azienda e per la presentazione dei posti di lavoro vacanti e disponibili per i cittadini moldavi. La promozione della campagna informativa riguardante i posti di lavoro vacanti sarà possibile in alcuni stand allestiti con gli strumenti necessari: proiettore, film, pannelli per la pubblicità, tavoli e sedie, ecc.
Gli imprenditori che svolgono la propria attività in Repubblica Moldova e sono interessati ad attrarre forza lavoro qualificata dall'estero, i cittadini moldavi con il desiderio di tornare nel proprio paese sono invitati a contattare l'Agenzia ANOFM per ulteriori informazioni.
La Fiera si svolgerà sabato 8 maggio dalle 1000 alle 1600 presso il centro di Formazione ENAIP Veneto (Via Ansuino da Forlì, 64/a, 35134, Padova, Italia).
In funzione dei posti di lavoro offerti, solo un piccolo numero di imprese usufruirà della possibilità di recuperare le spese di trasporto e alloggio per i giorni 7, 8 maggio 2010, cioè il periodo attinente all'avvenimento.
Le aziende possono, iscriversi entro venerdì 9 aprile 2010. Da coloro i quali vogliono partecipare si richiedono informazioni riguardo ai tipi di impiego vacanti, che saranno proposti alla fiera, il loro numero e le caratteristiche richieste.
Per ulteriori informazioni, contattate ANOFM al tel. +373.22.287619, 287629, e-mail: ludmila.gorceag@anofm.gov.md

venerdì 16 aprile 2010


DELIZIE DELLA MOLDOVA.

Via:     Gramego 57/A   
Città:  Verona
Tel:     045 8213048

INTERVISTA RADIOFONICA . LA RADIO CHE PARLA!

Le donne dell'est.

 Intervista a cittadina moldava Liuba Zavatin.
Ospiti:
Gheorghe Rusnac, ambasciatore moldavo in Italia
Don Egidiu Condac, presidente Confederatia Caritas Romania
Francesco Vietti, antropologo, scrittore, autore del libro "Il paese delle badanti".
 24-03-2010

Per sentire intervista clicca qui:
 
TV: i diritti delle donne immigrate questa notte su Crash.

Nel programma di Rai Tre, in onda alle ore 1.00, si approfondiscono i casi delle donne private dei loro diritti, delle ingiustizie che le donne subiscono in nome di tradizioni culturali.
Le donne immigrate, in Italia, costituiscono in molti casi la fascia sociale più debole. Troppo spesso, in nome di tradizioni culturali di provenienza lontana, queste donne vengono private dei loro elementari diritti umani, nel silenzio e nella paura.
È questo il tema della puntata di Crash dal titolo “In nome della tradizione” in onda all’1.00 su RaiTre.
In un tempo neanche tanto lontano, in Italia era ancora previsto il delitto d’onore. Ci sono voluti anni e battaglie durissime, in parte ancora da portare avanti, per cancellarlo dal nostro ordinamento. Eppure, si sente sempre più spesso parlare di “reati culturalmente orientati” commessi da chi, provenendo da una cultura in cui certe usanze sono accettate quando non permesse dalla legge, commette vere e proprie violazioni delle leggi italiane. È davvero in crescita questo fenomeno? Cosa si può fare per evitare che le comunità obbediscano a consuetudini che violano le nostre leggi?
A partire da domani il programma sarà on-line anche nel sito http://www.crash.rai.it/

mercoledì 14 aprile 2010

Normativa : Inps: assegno di maternità anche in fase di richiesta di permesso CE



Inps: assegno di maternità anche in fase di richiesta di permesso CE.
Con una circolare del 9 marzo, l’Inps specifica che la domanda di assegno di maternità dei Comuni può essere presentata anche dalle cittadine non comunitarie che siano in attesa del rilascio del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo.
L’assegno di maternità, come prevede il d.lgs. 151/2001, può essere concesso alle cittadine comunitarie e alle cittadine extracomunitarie solo se titolari di carta di soggiorno che, con il d.lgs. 3/2007, ha assunto la denominazione di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.
Con la circolare 35, l’Inps specifica che anche durante la fase di attesa del rilascio del permesso CE potrà essere presentata la domanda di assegno di maternità che verrà tenuta in sospeso dai Comuni fino all’esibizione del titolo di soggiorno eventualmente anche oltre il termine previsto di sei mesi dal parto.
Con il d.lgs. 30/2007 sono state poi disciplinate le modalità di ingresso e soggiorno dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari e la circolare precisa che sono ammesse a beneficiare dell’assegno di maternità anche le titolari di carta di soggiorno – anche permanente - di familiare di cittadino dell’Unione (o italiano).

INPS circ. 35/2010 Assegno di maternità concesso dai Comuni
Il Centro Studi e Ricerche Idos/Dossier Statistico Immigrazione
agenzia di supporto del Ministero dell’Interno
nel programma comunitario “European Migration Network”

INVITA

al Convegno


II Rapporto nazionale dell’European Migration Network

Minori non accompagnati - Rimpatri assistiti - Richiedenti asilo

21 aprile 2010, ore 11.00
Sala Convegni, Radio Vaticana
Piazza Pia, 3 – Roma (Bus 40)

Ai partecipanti verranno distribuiti il primo e il secondo Rapporto EMN
Per i giornalisti è stata predisposta una scheda riassuntiva

domenica 11 aprile 2010

Moglie moldava, negato il buono casa.

«E poi il sindaco fa le foto con Miss Italia nel Mondo, connazionale della mia Nicora»

Nazzareno Fuser e Nicora Snejana 
Nazzareno Fuser e Nicora Snejana
JESOLO. 
Il Comune ha pubblicato un bando per l'assegnazione di 7 buoni del valore di 5.000 euro ognuno per le giovani coppie che decidono di comprare casa a Jesolo. Al punto primo si chiede «la cittadinanza italiana» ed al punto secondo la residenza anagrafica, specificando di «entrambi i membri della coppia».

La coppia - Nazzareno Fuser, 43 anni, impiegato di banca, e Nicora Snejana di 35 anni, mamma e casalinga -  pensava di avere tutti i requisiti, ma il contributo viene negato perchè lei è moldava, anche se sposata da anni e madre di una bambina jesolana. «Il motivo di non ammissibilità della domanda - spiegano Nazzareno e Nicora - è chiaramente pretestuoso, vista la scarsa chiarezza del bando sul requisito contestato, vista la cittadinanza italiana del sottoscritto, jesolano di nascita, e il sicuro possesso dei requisiti per la cittadinanza italiana di mia moglie. Abbiamo fatto formale ricorso e chiedo che la domanda venga riammessa con decorrenza immediata in graduatoria. Tengo a precisare che mia moglie è moldava come la Miss Italia nel mondo Diana Curmei. Appare quantomeno ipocrita che la nostra giunta, sindaco in testa, faccia a gara per apparire a fianco della miss e poi si perda in una banale interpretazione di un bando formulato male».
Incalza infine il Movimento per la Sinistra di Salvatore Esposito. «Noi faremo conoscere - irrompe - a tutti questa fiaba che finisce male, la manderemo anche agli organizzatori di Miss Italia nel Mondo e all'ambasciata moldava in Italia».
http://nuovavenezia.gelocal.it/dettaglio/moglie-moldava-negato-il-buono-casa/1922598

venerdì 9 aprile 2010

Veneto: dalla Regione un dvd informativo per le badanti e le famiglie che le hanno assunte.

Il supporto informatico multilingue contiene gli elementi base per l’assistenza agli anziani ed i diritti e doveri dei lavoratori.

A circa 5.000 famiglie che godono dell’assegno di cura per assistere a casa anziani non autosufficienti con l’ausilio di badanti la Giunta regionale del Veneto sta inviando a domicilio due dvd allo scopo di far conoscere ai familiari e far conoscere alla propria badante gli elementi di base su come effettuare una buona assistenza alla persona anziana non autosufficiente (come fare l’igiene, come alimentare, come mobilizzare, come affrontare le situazioni di emergenza) e quali sono i diritti e doveri previsti dal contratto di lavoro. Il DVD è stato realizzato nelle seguenti lingue: italiano, polacco, russo, spagnolo ed inglese.
Per eventuali informazioni è possibile consultare il sito internet www.venetolavoro.it o contattare l’ente regionale Veneto Lavoro al numero 041 2919311.



Schengen: sì alla libera circolazione degli stranieri extracomunitari in attesa del permesso di soggiorno, purché in possesso di un visto nazionale di lunga durata.

Il 5 aprile è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo che equipara i visti nazionali di lunga durata al permesso di soggiorno ai fini del transito e del soggiorno fino a 90 giorni nei Paesi Schengen.
È entrato il vigore il 5 aprile il regolamento UE n. 265/2010 del 25 marzo 2010 che consente a tutti i cittadini stranieri extracomunitari, regolarmente soggiornanti in un Paese Schengen, di entrare e soggiornare per periodi massimi di 90 giorni a semestre in tutti gli altri Paesi dell’Area, anche se sono in attesa del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, purché siano in possesso di un visto nazionale non scaduto di validità.
Il regolamento, infatti, estende ai visti per soggiorni di lunga durata il principio dell’equipollenza tra permesso di soggiorno e visto per soggiorni di breve durata rilasciato dagli Stati membri che applicano integralmente l’acquis di Schengen.
La modifica del regolamento frontiere si è resa necessaria in quanto gli Stati membri non sempre riescono a convertire entro tempi ragionevoli il visto per soggiorni di lunga durata rilasciato agli stranieri ammessi nei propri territori in permesso di soggiorno affinché questi possano recarsi in altri Stati membri durante il loro soggiorno o transitare dal territorio di altri Stati membri quando tornano nei loro Paesi di origine.
Per quanto riguarda l’Italia - probabilmente il Paese che più degli altri attendeva questa decisione - d’ora in avanti i cittadini stranieri che hanno ottenuto un visto di ingresso di lunga durata (superiore a tre mesi), come ad esempio per lavoro, per ricongiungimento familiare o per studio, e che sono in attesa del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, durante la validità del visto potranno circolare negli altri Paesi Schengen sia per brevi soggiorni turistici (non oltre 90 giorni), sia per il transito verso e da i propri Paesi.
Le nuove disposizioni riguardano i seguenti Paesi che applicano integralmente la convenzione di Schengen: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Islanda, Norvegia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Malta e Svizzera. Restano esclusi - almeno per il momento - Regno Unito, Irlanda e Danimarca.
http://www.immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=001630

giovedì 8 aprile 2010

Padova, 8 maggio 2010 - Un lavoro per tornare a casa




anofmL'Agenzia Nazionale per l'Occupazione della Forza Lavoro (ANOFM) della Moldava con il supporto del progetto dell'Unione Europea "Consolidare le capacità della Moldova per la gestione del mercato del lavoro e del ritorno degli emigrati"in collaborazione con il Servizio Pubblico per l'Occupazione della Forza Lavoro di Veneto Lavoro, con il centro di formazione professionale ENAIP, con l'Ambasciata d'Italia in Moldova, con la Camera di Commercio e Industria Moldo-Italiana di Chişinău, con l'Ambasciata in Italia e il Consolato Generale di Bologna della Repubblica Moldova e con la diaspora moldava in Italia Vi invitano a partecipare l'8 maggio 2010 a Padova alla fiera di informazione riguardo ai posti di lavoro disponibili destinati ai cittadini moldavi che desiderino ritornare nel proprio paese. Gli organizzatori offrono alle imprese in modo gratuito uno spazio attrezzato per la promozione della propria azienda e per la presentazione dei posti di lavoro vacanti e disponibili per i cittadini moldavi. La promozione della campagna informativa riguardante i posti di lavoro vacanti sarà possibile in alcuni stand allestiti con gli strumenti necessari: proiettore, film, pannelli per la pubblicità, tavoli e sedie, ecc.
Gli imprenditori che svolgono la propria attività in Repubblica Moldova e sono interessati ad attrarre forza lavoro qualificata dall'estero, i cittadini moldavi con il desiderio di tornare nel proprio paese sono invitati a contattare l'Agenzia ANOFM per ulteriori informazioni.
La Fiera si svolgerà sabato 8 maggio dalle 10.00 alle 16.00 presso il centro di Formazione ENAIP Veneto (Via Ansuino da Forlì, 64/a, 35134, Padova, Italia).
In funzione dei posti di lavoro offerti, solo un piccolo numero di imprese usufruirà della possibilità di recuperare le spese di trasporto e alloggio per i giorni 7, 8 maggio 2010, cioè il periodo attinente all'avvenimento.
Da coloro i quali vogliono partecipare si richiedono informazioni riguardo ai tipi di impiego vacanti, che saranno proposti alla fiera, il loro numero e le caratteristiche richieste.
Chi fosse interessato è pregato di contattare entro e non oltre il 13 aprile 2010 l'ufficio ANOFM ai numeri +373.22.287619, 287629. Il Riferimento è la sig.ra Ludmila Gorceag ludmila.gorceag@anofm.gov.md

domenica 4 aprile 2010

Ceban, dalla Moldavia a segretario della Consulta.

 
«Il lavoro è il motore dell'integrazione». Non c'è niente da fare, secondo Andrei Ceban, moldavo d'origini, e ora segretario della Consulta degli stranieri a Faenza: senza lavoro è più difficile integrarsi, farsi rispettare ed evitare di cacciarsi nei guai. D'altra parte, per questo si emigra, per lavoro.
Così almeno è successo ai Ceban. Nel '99 in Moldavia la moneta non vale nulla e così per sopravvive, Andrei insegna musica al mattino, fa l'ambulante di pomeriggio e a volte anche il montatore di tende la sera. Ma ad un certo punto dice basta e decide di partire per il Portogallo, Stubal, dove trova un impiego come muratore.
La moglie Olga viene in Italia dove inizia a fare la badante a Cotignola. Le cose vanno bene qui e così decide di richiamare anche Andrei: anche lui trova lavoro come badante, ma a Faenza. «Il quel periodo ognuno viveva a casa del suo assistito e ci vedevamo solo per qualche ora alla settimana, in un parco.
Mentre Michele, il nostro primo figlio, era in Moldavia con il nonno» ricorda Andrei. «Per un anno e mezzo, è stata durissima» chiosa Olga.
Poi, grazie ad una delle tante sanatorie, Olga riesce ad ottenere i documenti ed a portare in Italia Michele. I coniugi Ceban cambiano vita: affittano un appartamento in borgo, Andrei riesce a trovare un posto come smaltatore alla Emmezeta (ebbene sì, uno straniero che produce le famose maioliche) ed arriva una seconda figlia, Victoria, oggi 4 anni. Una storia d'integrazione ben riuscita. Il segreto? «Bisogna imparare a trattare con gli italiani - spiega Olga -. E quando qualcuno non ti piace, evitarlo».
 pubblicato da: Daniela Verlicchi
www.settesere.it
PREVENIREA TUMORILOR FEMININE.

Programul de Screening GRATUIT pentru cancerul
de col uterin și cancerul de sân
Cine are dreptul?
Femeile cu vârsta cuprinsă între 25 și 64 de ani, pentru
prevenirea tumorii de col uterin și cu vârsta cuprinsă între 50 și
69 de ani, pentru prevenirea tumorii la sân.
Cum să participați?
O femeie poate primi o invitație de la propria ASL de
rezidență, poate să se adreseze unui cabinet de consultanță
sau poate suna la ASL de rezidență pentru stabilirea unei
programări.

www.asplazio.it 


SURSA: Gazeta Basarabiei
Director: Olga Coptu
Redactor: Jana Reniță
Publicația este distribuită gratis la Roma, varianta
electronică o puteți primi scriindu-ne la
adresa: gazetabasarabiei@gmail.com
Tel. 00 39 328 2167650
Roma, Italia
Il Patronato ACLI ha aperto un Ufficio in Moldova


Acli 
MoldovaE’ stato da molti definito un evento storico quello celebrato a dicembre scorso a Chisinau in occasione dell’avvio della presenza del Patronato ACLI in Moldova, in collaborazione con la Fondazione Regina Pacis.
L’evento è stato prima di tutto presentato al Ministro degli esteri moldavo On.le Iurie Leanca, lunedì 14 dicembre 2009 ed il giorno successivo è stato sottoscritto l’accordo tra le Acli e la Fondazione Regina Pacis alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Moldova Dr. Stefano De Leo.
In sintesi in base all’accordo la Fondazione Regina Pacis dovrà garantire la collaborazione necessaria alle sedi di Patronato ACLI italiane per l’eventuale disbrigo di pratiche da compiersi in Moldavia. Allo stesso modo le sedi di Patronato ACLI italiane collaboreranno con la Fondazione Regina Pacis per il
disbrigo di pratiche relative a cittadini moldavi da svolgere in Italia.
Il Patronato ACLI svolgerà le proprie attività presso l’ufficio in Str. Sfatul Tarii 17/32 in Chisinau, sede della Fondazione Regina Pacis, e sarà presente con un proprio referente anche presso l’Ufficio Consolare Italiano per le attività di informazione ed assistenza ai cittadini moldavi che intendono richiedere un visto di ingresso in Italia.
Infatti le ACLI, come già avviene in altri Stati e sempre in collaborazione con il Ministero per gli Affari Esteri Italiano, saranno a disposizione per le attività di informazione ed assistenza nelle domande di Visto d’Ingresso per l’Italia e UE, per le modalità di accesso degli studenti moldavi all’Università in
Italia, per le Informazioni in materia di soggiorno regolare in Italia e in Ue, oltre a quant’altro verrà richiesto.
Il valore del servizio, che sarà sempre e rigorosamente gratuito, è finalizzato, cosi come chiaramente delineato sia dal Patronato ACLI che dalla Fondazione Regina Pacis, all’assistenza dei moldavi che intendono recarsi legalmente in Italia, ai moldavi che avendo fatto rientro in Moldova avranno bisogno di regolarizzare le proprie posizioni, anche nei rapporti con i datori di lavoro o per la situazione pensionistica, ai moldavi che in Italia incorreranno in situazioni di disagio e sfruttamento.
Tale accordo rientra anche in una specifica e chiara richiesta fatta dal Ministro degli esteri moldavo On.le Iurie Leanca, il quale ha espressamente richiesto alla Fondazione Regina Pacis di attivare un servizio di protezione sociale per i moldavi in Italia che hanno bisogno di aiuto e sostegno. Oggi tutto ciò è possibile grazie alla rete di contatti e competenze in Italia messa a disposizione dal Patronato ACLI. L’accordo, inoltre, rientra nei programmi dell’Ambasciata di Italia in Moldova. Obiettivo primario dell’Ambasciatore De Leo è stato sempre quello di allargare il raggio di informazione nella materia del rilascio dei visti e permettere un accesso ai servizi consolari rapido, concreto, legale, gratuito e lontano da ogni forma di sfruttamento. A tale progetto ha fin dall’inizio delle attività dell’Ambasciata italiana collaborato la Fondazione Regina Pacis, per cui oggi il notevole ed autorevole supporto del Patronato ACLI renderà ancora più concreto e sostenibile il percorso di legalità e servizio al popolo moldavo tenacemente voluto dall’Ambasciatore Stefano De Leo.
Va anche detto che la presenza del Patronato ACLI a supporto delle attività della sede Consolare italiana di Chisinau, come già avviene in Marocco, Albania ed in altri diciassette Stati, è stata ben valutata dal Ministero degli esteri italiano.
Dal mese di gennaio l’Ufficio è già operativo, presso la sede della Fondazione Regina Pacis, e rappresenta un ulteriore passo verso la legalità ed il rispetto dei diritti dei cittadini moldavi che vorranno muoversi in Italia ed in Europa.
PATRONATO ACLI - Sede a Chisinau: str. Sfatul Tarii 17/32
tel. 00373.22.238363 - fax 00373.22.232321 - moldavia@patronato.acli.it
 
Tratto dal notiziario della Fondazione Regina Pacis di Chisinau.