DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

venerdì 26 giugno 2020

Rușine. 🤮 E necesar sa facem ceva, nu putem sa asistam impasibili la așa comedie.🙊🙉🙈
Ascultați de la minutul 11.00 cum sa exprimat acest cântăreț in ce privește doamna (Moldoveanca) care face curat la el  in casa (Emiglia) și faptul ca el are dreptul să-i schimbe numele fiindcă o plătește pentru curățenie, de parca ar fi o proprietate a sa (eu nu as permite nici pisicii mele Tiffany ca cineva s-o numească Murca) și face ce vrea.

Cesare Cremonini, lei si deve vergognare e chiedere scusa pubblicamente davanti a questa donna è il presentatore Alessandro Cattelan che ride e sostiene il cantautore bolognese lo devono sospendere dal lavoro perché a assistito pure divertito.

 Mi sembrano battute  razzisti e sessiste.

Nessuno a diritto di cambiare il nome di una PERSONA, perché una volta che veniamo battezzati siamo legati a lui per sempre.

Chiamare qualcuno per nome non è cosa da poco: ce lo insegnano gli antichi e la Sacra Scrittura.

Nella Scrittura il nome rappresenti l’autentica personalità di una persona e, in un certo senso, il suo destino o programma di vita.

“Solo nelle culture antiche la possibilità di imporre un nome esprimeva la facoltà di dominio e di possesso che una persona esercitava su un’altra persona o su un oggetto”, ma oggi siamo in 2020 e in Europa, in Italia -culla della Umanità e Cristianità.

La costituzione italiana: Articolo 22.  “Nessuno può essere privato, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome.”

http://www.today.it/media/cremonini-donna-pulizie-moldava.html

“Ho una cameriera che si chiama Emilia. Anzi, no, non è vero, lei non si chiama Emilia perché è moldava, ma io la pago e quindi ho preteso di chiamarla così. Dovrebbe essere un diritto di tutti poter chiamare come si vuole le persone che entrano in casa tua".

https://www.facebook.com/skyitalia/videos/385454026170970/UzpfSTExMjc0MzE2MDU6MTAyMTY2NjkyOTY2MjEzMDU/?id=1127431605


Cesare Cremonini: “Se pago delle persone devo potergli cambiare il nome”.
Questi testate giornalistiche sono rimasti scioccati su una frase, certi connazionali NO.
 Per me,  VI MERITATE LA SORTE! E grave.                                                                     
 1. https://www.globalist.it/culture/2020/06/25/cremonini-il-padrone-la-mia-domestica-e-moldava-ma-ho-preteso-di-chiamarla-emilia-la-pago-quindi-2060828.html
2.https://www.ilmessaggero.it/spettacoli/musica/cremonini_cattelan_emilia_nome_colf_cambiato_video_ultime_notizie-5310814.html   3. https://www.giornalettismo.com/cesare-cremonini-donna-pulizie-moldava/   4. https://www.blitzquotidiano.it/tv/cesare-cremonini-colf-emilia-3201583/ 
5. https://metropolitanmagazine.it/cesare-cremonini-colf-emilia/ 
6. http://www.askanews.it/spettacolo/2020/06/26/cremonini-la-colf-che-non-si-chiama-emilia-e-la-polemica-social-top10_20200626_090256/  7. https://www.striscialanotizia.mediaset.it/news/cesare-cremonini-e-la-battuta-sulla-colf-moldava-e-bufera-sui-social_10126.shtml 
8. https://www.ilsussidiario.net/news/cesare-cremonini-chiamo-la-donna-delle-pulizie-come-voglio-la-pago-e-polemica/2040942/  9. http://www.bolognatoday.it/cronaca/cremonini-domestica-colf.html  10. https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/cremonini-emilia-1.5263934
11. https://tv.fanpage.it/bufera-su-cesare-cremonini-se-pago-delle-persone-devo-potergli-cambiare-il-nome/  12. https://notizie.virgilio.it/bufera-su-cremonini-da-cattelan-la-frase-che-ha-scioccato-il-web-1401811 13. https://www.gossipblog.it/post/623269/cesare-cremonini-donna-pulizie-moldava-emilia 14. https://www.newnotizie.it/2020/06/26/cesare-cremonini-a-e-poi-ce-cattelan-ho-cambiato-nome-alla-mia-domestica-moldava-perche-la-pago-il-web-insorge/ 
15. https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/06/26/cesare-cremonini-se-pago-delle-persone-devo-potergli-cambiare-il-nome-scoppia-la-polemica-lui-risponde-con-un-video/5848379/
16. https://www.linkiesta.it/2020/06/cesare-cremonini-e-poi-ce-cattelan-colf-social/ 
17. https://tvzap.kataweb.it/news/277139/cesare-cremonini-cattelan-gaffe-domestica-polemica/

venerdì 12 giugno 2020

1) Bando per 18 BORSE DI STUDIO per il Corso di Laurea triennale in Scienze Sociali e per il Corso annuale in Management delle Organizzazioni del Terzo Settore per cittadini stranieri residenti in Italia o italiani con background migratorio (nuove generazioni), giovani ed adulti.
NUOVA SCADENZA INVIO CANDIDATURE: 18 LUGLIO 2019 ORE 8.00 a fass@pust.it
OBIETTIVO: rafforzamento delle capacità dei cittadini stranieri residenti in Italia e degli Italiani di seconda generazione, giovani ed adulti, perché possano divenire agenti di cambiamento, capaci di promuovere l'inclusione sociale dei migranti nei territori.
La borsa di studio COMPRENDE:
- iscrizione al corso di Laurea triennale in Scienze Sociali (https://angelicum.it/…/scienz…/programmi) o al Corso annuale in Management delle Organizzazioni del Terzo Settore (https://sites.google.com/…/masterterzo…/)
- partecipazione a ricerche di Facoltà
- orientamento al lavoro, tirocini formativi e attività sociali
- collaborazione con un'ampia rete di soggetti del territorio
REQUISITI:
- Essere cittadini stranieri residenti in Italia o italiani con background migratorio (seconde generazioni)
- Titolo di studio valido per l'accesso al livello accademico richiesto, inclusa la possibilità di riconoscimento dei titoli conseguiti in paesi diversi, e valutazione della compatibilità di esami sostenuti con il percorso formativo richiesto. Non è necessario produrre la traduzione dei titoli esteri.
Per presentare una CANDIDATURA:
- inviare email a fass@pust.it entro le ore 8:00 del 18/7/2019 con i documenti seguenti
- Lettera di motivazione personale con indicazione del programma di studio a cui si vuole accedere (Corso di Laurea Triennale in Scienze Sociali o Corso Annuale di Management del Terzo Settore)
- CV, completo di dati anagrafici (data e luogo di nascita, CF, residenza) e di contatto (email, telefono). Se si desidera una valutazione di precedenti corsi/titoli universitari e/o professionali, produrre anche copia dei titoli, con trascrizione dei corsi sostenuti
- permesso o carta di soggiorno
- ISEE o documento di attestazione del reddito o autodichiarazione
- Lettera di presentazione di una associazione/comunità di migranti
I colloqui si terranno nei giorni 2-3-4 Settembre 2019. La graduatoria definitiva sarà diffusa entro il 10 Settembre. Le iscrizioni dovranno avvenire entro il 23 Settembre. Le lezioni inizieranno ad Ottobre 2019.
Per ulteriori INFORMAZIONI:
- consultare il bando STRONG
https://angelicum.it/…/STRONG-Call-for-…
- contattare la segreteria della Facoltà di Scienze Sociali dell'Angelicum: email fass@pust.it, telefono 06.6702.402
Pontifical University of St. Thomas Aquinas - Angelicum
Largo Angelicum, 1-00184, 00184 Roma
--------------------------------------------------------
2) IMPORTANT. Cine dorește să depună dosar pentru dobândirea CETĂȚENIEI ITALIENE este obligat să aibă un VENIT corespunzător pentru toți membrii prezenți pe Certificatul privind componența familiei.
IMPORTANT. ”PERMESSO DI SOGGIORNO” . Cine dorește să depună dosar întru obținerea Permisului de Ședere. Tipurile de acte prevăzute care ar dovedi prezența cetățeanului străin în Italia până pe data de 8 martie 2020: Certificat de la medic, ștampila în pașaport aplicată de autoritățile unui aeroport italian, Cod fiscal cine a reușit să-l obțină, bilet de călătorie cu autocarul cu data de până la 8 martie 2020, abonament pentru transport public cu date personale și foto, înscrierea copiilor minori la școală, card de la Caritas și altele.
IMPORTANT: PROCURI URGENTE PENTRU ROMÂNI, CĂLĂTORIE CU MINORI, DIVORȚ, DECLARAȚII NOTARIALE, VÂNZĂRI și altele. SPECIMEN DE SEMNĂTURĂ la NOTAR PUBLIC pentru români. Testamente. Traduceri și legalizări. Cetățenia italiană. Apostile. CAZIER ROMAN.
TRADUCERI ÎN TOATE LIMBILE / PROCURI URGENTE / CETĂȚENIA ITALIANĂ. Bun găsit. Vă amintim că Biroul ”Intercult99Traduzioni” oferă traduceri: (română, engleză, spaniolă, franceză, rusă, bulgară, ucraineană, spaniolă, norvegiană, thailandeză, portugheză, chineză, maghiară etc.) Procuri notariale, Căsătorii în Italia, Declarații, Apostile, Caziere, Certificat de naștere, Dosar pentru obținerea cetățeniei italiene. Contacte: Birou ”Intercult99Traduzioni” / Varvara Vizir
sediul – Roma, Metrou B/ - Basilica San Paolo, Via Della Collina Volpi 6/B - Tel. (+39) 328 05 39 411 - Tel. (+39) 06 54 12 283 -e-mail: vizirtraduzioni@gmail.com
----------------------------------------------------------
3) #DORESTI SA DESCHIZI O #AFACERE LA ROMA? Ai nevoe de INFO in ce priveste antreprenoriatul? Cum sa scrii un #bissnes plan? Consulente in materia di amministrazione, contabilità e tributi Liliana Caracciolo. Tel: 3287691690
--------------------------------------------------------
4) #SANATORIA_STRANIERI
☎️ #CHIAMA ADESSO +39 351 725 3998‼️
⁉️COSA È NECESSARIO:
 AVERE o TROVARE un CONTRATTO DI LAVORO come badante, colf o in agricoltura.
 AVERE la PROVA di essere presente in Italia prima della dell’8 marzo 2020 (timbro all’aeroporto sul passaporto, certificati medici, tessere di trasporto nominative, contratto telefonico etc.)
 PAGARE il contributo di 500 euro per ciascun lavoratore.
 IL DATORE DI LAVORO deve AVERE UN REDDITO minimo:
► per assumere in agricoltura – 30 mila euro;
► per assumere colf e badanti – 20 mila euro o 27 mila euro.
ATTENZIONE❗️ Il reddito NON è necessario per il datore di lavoro affetto da patologie o disabilità che assume la/il badante.
ATTENZIONE‼️SOLO gli stranieri con permesso di soggiorno scaduto dopo il 31 ottobre 2019 e che hanno lavorato come colf, badanti o in agricoltura prima del il 31 ottobre 2019 possono chiedere un permesso di soggiorno della durata di sei mesi. In questo caso NON è necessario avere un contratto di lavoro e si paga un contributo di 130 euro.


https://www.facebook.com/1127431605/videos/10216571317171880/?id=1127431605
“Vocea DIASPOREI la Vocea Basarabiei”.
EFECTELE PANDEMIEI ASUPRA MIGRANȚILOR DIN ITALIA. https://www.facebook.com/VoceaBasarabiei/videos/1586659101513131

martedì 26 maggio 2020

Immigrazione. Guida alla regolarizzazione per stranieri clandestini 2020.
 E' stato pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale il decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020, cosiddetto decreto Rilancio, che prevede la regolarizzazione per alcune categorie di stranieri clandestinamente presenti sul territorio italiano. In occasione dell'ultima – avvenuta nel 2012 – furono presentate 134.576 domande e, a distanza di 8 anni, non sono stati resi noti dal ministero i dati relativi al numero di domande accolte.

Da allora, l'immigrazione per motivi di lavoro in Italia è stata di fatto impedita, poichè i decreti flussi emanati negli anni successivi – eccezion fatta per i lavoratori stagionali – consentivano in concreto quasi solo conversioni del permesso di soggiorno da studio a lavoro. Una via decisamente costosa, che permetteva solo a categorie privilegiate di stranieri di venire a lavorare in Italia: chi si poteva permettere di pagarsi gli studi, mantenendosi lavorando al massimo 20 ore a settimana in attesa della emanazione del decreto flussi per richiedere la conversione.

SETTORI DI ATTIVITA' LAVORATIVA

La regolarizzazione 2020 è stata introdotta con il DL Rilancio, che potrà subire delle modifiche in sede di conversione in legge, e si rivolge a due macro categorie di stranieri irregolari: chi ha già un datore di lavoro disponibile a formalizzare l'assunzione e chi non ce l'ha. Una volta concluso con successo il procedimento di regolarizzazione ai primi verrà rilasciato un permesso di soggiorno per motivi di lavoro; i secondi otterranno un permesso di soggiorno temporaneo di sei mesi durante i quali dovranno cercare lavoro per convertire il permesso provvisorio in permesso per motivi di lavoro subordinato. In entrambi i casi, la regolarizzazione riguarda solo alcuni settori di attività lavorativa:

a) agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
b) assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorchè non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza;
c) lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

Sono quindi esclusi i lavoratori dipendenti in altri settori e i lavoratori autonomi.

REGOLARIZZAZIONE PER OTTENERE UN PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI LAVORO

L'istanza di regolarizzazione viene presentata dal datore di lavoro, che potrà essere cittadino italiano, UE o straniero extra UE regolarmente soggiornante. I requisiti reddituali del datore di lavoro e i documenti necessari a comprovare l'attività lavorativa saranno indicati da un decreto del Ministero dell'Interno, che dovrà essere adottato entro 10 giorni dall'entrata in vigore del decreto legge.
Il datore di lavoro potrà presentare istanza sia per concludere un nuovo contratto di lavoro che per far emergere un rapporto di lavoro a nero. In entrambi i casi occorrerà indicare la durata del contratto di lavoro e la retribuzione, non inferiore a quanto previsto dal CCNL di riferimento.
Con questa procedura potrà però essere regolarizzato solo lo straniero che:
a) sia stato sottoposto a rilievi fotodattiloscopici prima dell’8 marzo 2020;
b) oppure abbia effettuato prima dell'8 marzo 2020 la dichiarazione di presenza in Italia per soggiorno breve per visite, affari, turismo e studio,
c) possa provare la propria presenza in data precedente all'8 marzo 2020 con documenti di data certa provenienti da organismi pubblici.

In entrambi i casi, lo straniero non deve aver lasciato il territorio nazionale dall’8 marzo 2020 in poi.

Il decreto quindi esclude tutti quegli stranieri che non possono provare con documenti di data certa provenienti da organismi pubblici di essere in Italia da prima dell'8 marzo 2020. La prova potrà essere fornita con certificati medici ospedalieri, permessi di soggiorno scaduti, iscrizioni anagrafiche precedenti, denunce ma non potrà essere fornita tramite contratti di utenze telefoniche cellulari, tessere e documenti provenienti da organismi umanitari e assistenziali (come invece consentito dal Ministero dell'interno per la regolarizzazione del 2012) e in genere qualsiasi documento dal quale si possa evincere la presenza dello straniero in Italia. Su questo punto, non di poco conto, auspichiamo che in sede di conversione del decreto legge si provveda ad ampliare l'elenco delle modalità con cui provare la propria presenza in Italia in data precedente all'8 marzo 2020.

Presentata l'istanza sarà possibile iniziare subito a svolgere l'attività lavorativa nelle more della conclusione del procedimento amministrativo. L'istanza andrà presentata allo Sportello unico per l'immigrazione che, verificata l'ammissibilità dell'istanza e acquisito il parere della questura sull'insussistenza di motivi ostativi all'accesso alle procedure ovvero al rilascio del permesso di soggiorno, nonché il parere del competente Ispettorato territoriale del lavoro in ordine alla capacità economica del datore di lavoro e alla congruità delle condizioni di lavoro applicate, convocherà le parti per la stipula del contratto di soggiorno, per la comunicazione obbligatoria di assunzione e la compilazione della richiesta del permesso di soggiorno per lavoro subordinato. La mancata presentazione delle parti senza giustificato motivo comporta l'archiviazione del procedimento.

PERMESSO TEMPORANEO DI SEI MESI PER CERCARE LAVORO

Lo straniero extra UE irregolare che non abbia un datore di lavoro disponibile ALl'assunzione potrà richiedere un permesso di soggiorno temporaneo, valido solo sul territorio nazionale per sei mesi dalla presentazione dell'istanza, al fine di trovare lavoro. Potranno presentare istanza gli stranieri il cui permesso di soggiorno (per qualsiasi motivo lavoro, studio, famiglia ecc.) sia scaduto perchè non rinnovato o non convertito in altro tipo di permesso di soggiorno successivamente al 31 ottobre 2019 se:

a) erano presenti in Italia all'8 marzo 2020 e non hanno successivamente lasciato il territorio nazionale, e
b) hanno lavorato, prima del 31 ottobre 2019, in uno dei seguenti settori: agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse; assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorchè non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza; lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

L'istanza deve essere presentata dal cittadino straniero al Questore, dal 1 giugno al 15 luglio 2020, unitamente alla documentazione in possesso (che sarà individuata da un successivo decreto ministeriale) idonea a comprovare l’attività lavorativa svolta nei settori sopra elencati.
Al momento della presentazione dell'istanza viene rilasciata una attestazione al cittadino straniero, che consente di soggiornare legittimamente nel territorio dello Stato fino ad "eventuale comunicazione dell’Autorità di pubblica sicurezza", di svolgere lavoro subordinato, esclusivamente nei settori di attività su elencati, nonché di presentare l’eventuale domanda di conversione del permesso di soggiorno temporaneo in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.
Con l'attestazione lo straniero può iscriversi al Centro per l'impiego.

Nelle more del procedimento il cittadino straniero è inespellibile, fatta eccezione per le espulsioni i cui motivi escludono la possibilità di regolarizzarsi (si veda infra).

Se, entro sei mesi dalla richiesta di permesso di soggiorno temporaneo, lo straniero extraUE esibisce un contratto di lavoro subordinato oppure la documentazione retributiva e previdenziale comprovante lo svolgimento dell’attività lavorativa nei settori sopra elencati, il permesso viene convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

TEMPI PER LA REGOLARIZZAZIONE

Le domande potranno essere presentate dal 1 giugno al 15 luglio 2020. Le modalità di presentazione delle istanze e di svolgimento del procedimento saranno stabilite con decreto del Ministro dell'interno, che dovrà essere adottato entro 10 giorni dall'entrata in vigore del decreto legge.

A CHI PRESENTARE LE ISTANZE

Le istanze andranno presentate:
a) all'INPS, per le domande presentate dai datori di lavoro per concludere un nuovo contratto o far emergere il lavoro a nero con lavoratori italiani e UE;
b) allo Sportello Unico per l'immigrazione,  per le domande presentate dai datori di lavoro per concludere un nuovo contratto o far emergere il lavoro a nero con cittadini stranieri extracomunitari;
c) alla Questura, per le domande di permesso di soggiorno temporaneo di sei mesi presentate da cittadini stranieri extracomunitari.

COSTI DELLA REGOLARIZZAZIONE

Prima della presentazione dell'istanza, il datore di lavoro dovrà pagare per ciascun lavoratore l'importo di 500 euro ed un contributo forfettario per le somme dovute a titolo retributivo, contributivo e fiscale che verrà determinato con un decreto del Ministro del lavoro.

Per gli stranieri extracomunitari che chiederanno il permesso di soggiorno provvisorio, è previsto il pagamento di euro 130,00.

CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

Se, nel corso del procedimento, il rapporto di lavoro instaurato – anche stagionale - si interrompe per licenziamento o dimissioni, il permesso di soggiorno manterrà la propria validità, lo straniero potrà iscriversi nelle liste di collocamento per un periodo non inferiore ad un anno (salvo il caso di maggiore durata del permesso di soggiorno) ovvero per tutto il periodo di durata della prestazione di sostegno al reddito percepita dal lavoratore straniero, qualora superiore.

CASI DI INAMMISSIBILITA' DELL'ISTANZA

Sia per quanto riguarda la procedura di emersione richiesta dal datore di lavoro che nel caso di conversione del permesso di soggiorno temporaneo in permesso di lavoro, le istanze sono inammissibili se il datore di lavoro è stato condannato (anche con patteggiamento) negli ultimi cinque anni con sentenza anche non definitiva per i seguenti reati:
a) favoreggiamento immigrazione clandestina;
b) reati finalizzati al reclutamento di persone da destinare alla prostituzione o allo sfruttamento della prostituzione o di minori da impiegare in attività illecite;
riduzione o mantenimento in schiavitù
intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ai sensi dell'articolo 603-bis del codice penale
e) occupazione alle proprie dipendenze di lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno ovvero il cui permesso sia scaduto e del quale non sia stato chiesto, nei termini di legge, il rinnovo, ovvero il permesso di soggiorno sia stato revocato o annullato.

CASI DI RIGETTO DELL'ISTANZA

L'istanza viene rigettata se il datore di lavoro non sottoscrive il contratto di soggiorno presso lo Sportello unico per l’immigrazione oppure se, sottoscritto il contratto di soggiorno, non assume il lavoratore, salvo cause di forza maggiore non imputabili al datore medesimo, comunque intervenute a seguito dell'espletamento di procedure di ingresso di cittadini stranieri per motivi di lavoro subordinato ovvero di procedure di emersione dal lavoro irregolare.

Sono esclusi dalla procedura, e la relativa istanza viene rigettata, gli stranieri nei cui confronti sia stato emesso un provvedimento di espulsione motivato sulla base di:
a) motivi di ordine pubblico o di sicurezza dello Stato;
b) fondati motivi di ritenere che la sua permanenza nel territorio dello Stato possa in qualsiasi modo agevolare organizzazioni o attività terroristiche, anche internazionali;
poichè abitualmente dediti a traffici delittuosi;
d) poichè per la condotta ed il tenore di vita debba ritenersi, sulla base di elementi di fatto, che vivono abitualmente, anche in parte, con i proventi di attivita' delittuose;
e) per il loro comportamento debba ritenersi, sulla base di elementi di fatto, comprese le reiterate violazioni del foglio di via obbligatorio, nonche' dei divieti di frequentazione di determinati luoghi previsti dalla vigente normativa che sono dediti alla commissione di reati che offendono o mettono in pericolo l'integrita' fisica o morale dei minorenni, la sanita', la sicurezza o la tranquillita' pubblica;
f) indiziati di appartenere alle associazioni a delinquere di tipo mafioso;
g) indiziati di uno dei reati previsti dall'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale ovvero del delitto di cui all'articolo 12-quinquies, comma 1, del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356 , o del delitto di cui all'articolo 418 del codice penale;
h) indiziati di uno dei reati previsti dall'articolo 51, comma 3-quater, del codice di procedura penale e a coloro che, operanti in gruppi o isolatamente, pongano in essere atti preparatori, obiettivamente rilevanti, ovvero esecutivi diretti a sovvertire l'ordinamento dello Stato, con la commissione di uno dei reati previsti dal capo I del titolo VI del libro II del codice penale o dagli articoli 284,285,286,306,438,439,605 e 630 dello stesso codice, nonche' alla commissione dei reati con finalita' di terrorismo anche internazionale ovvero a prendere parte ad un conflitto in territorio estero a sostegno di un'organizzazione che persegue le finalita' terroristiche di cui all'articolo 270-sexies del codice penale;
i) a coloro che abbiano fatto parte di associazioni politiche disciolte ai sensi della legge 20 giugno 1952, n. 645, e nei confronti dei quali debba ritenersi, per il comportamento successivo, che continuino a svolgere una attivita' analoga a quella precedente;
l) a coloro che compiano atti preparatori, obiettivamente rilevanti, ovvero esecutivi diretti alla ricostituzione del partito fascista ai sensi dell'articolo 1 della legge n. 645 del 1952, in particolare con l'esaltazione o la pratica della violenza;
m) fuori dei casi indicati nelle lettere d), e) ed f), siano stati condannati per uno dei delitti previsti nella legge 2 ottobre 1967, n. 895, e negli articoli 8 e seguenti della legge 14 ottobre 1974, n. 497, e successive modificazioni, quando debba ritenersi, per il loro comportamento successivo, che siano proclivi a commettere un reato della stessa specie col fine indicato alla lettera d);
n) agli istigatori, ai mandanti e ai finanziatori dei reati indicati nelle lettere precedenti. E' finanziatore colui il quale fornisce somme di denaro o altri beni, conoscendo lo scopo cui sono destinati;
o) alle persone indiziate di avere agevolato gruppi o persone che hanno preso parte attiva, in piu' occasioni, alle manifestazioni di violenza di cui all'articolo 6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401, nonche' alle persone che, per il loro comportamento, debba ritenersi, anche sulla base della partecipazione in piu' occasioni alle medesime manifestazioni, ovvero della reiterata applicazione nei loro confronti del divieto previsto dallo stesso articolo, che sono dediti alla commissione di reati che mettono in pericolo l'ordine e la sicurezza pubblica, ovvero l'incolumita' delle persone in occasione o a causa dello svolgimento di manifestazioni sportive;
p) ai soggetti indiziati del delitto di cui all'articolo 640-bis o del delitto di cui all'articolo 416 del codice penale, finalizzato alla commissione di taluno dei delitti di cui agli articoli 314, primo comma, 316, 316-bis, 316-ter, 317, 318, 319, 319-ter, 319-quater, 320, 321, 322 e 322-bis del medesimo codice;
q) ai soggetti indiziati dei delitti di cui agli articoli 572 e 612-bis del codice penale;
r) alle persone fisiche e giuridiche segnalate al Comitato per le sanzioni delle Nazioni Unite, o ad altro organismo internazionale competente per disporre il congelamento di fondi o di risorse economiche, quando vi sono fondati elementi per ritenere che i fondi o le risorse possano essere dispersi, occultati o utilizzati per il finanziamento di organizzazioni o attivita' terroristiche, anche internazionali.

Ancora, sono esclusi dalla regolarizzazione gli stranieri che:
a) risultino segnalati, anche in base ad accordi o convenzioni internazionali in vigore per l'Italia, ai fini della non ammissione nel territorio dello Stato;
b) che risultino condannati, anche con sentenza non definitiva, compresa quella pronunciata anche a seguito di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei reati previsti dall'articolo 380 del codice di procedura penale o per i delitti contro la libertà personale ovvero per i reati inerenti gli stupefacenti, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina verso l’Italia e dell’emigrazione clandestina dall’Italia verso altri Stati o per reati diretti al reclutamento di persone da destinare alla prostituzione o allo sfruttamento della prostituzione o di minori da impiegare in attività illecite;
c) che comunque siano considerati una minaccia per l'ordine pubblico o la sicurezza dello Stato o di uno dei Paesi con i quali l'Italia abbia sottoscritto accordi per la soppressione dei controlli alle frontiere interne e la libera circolazione delle persone. Nella valutazione della pericolosità dello straniero si tiene conto anche di eventuali condanne, anche con sentenza non definitiva, compresa quella pronunciata a seguito di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei reati previsti dall'articolo 381 del codice di procedura penale.

Abbiamo volutamente “dipanato” questo lungo elenco di rimandi di legge in legge – non completamente, poiché altrimenti avremmo dovuto di fatto “ricopiare” buona parte del corpus normativo penale – per sottolineare l'eterogeneità di espulsioni che escludono la possibilità di regolarizzarsi, dal terrorismo internazionale alla commissione di reati che “mettono in pericolo la quiete pubblica”.
Per intendersi, uno schiamazzo sicuramente mette in pericolo la quiete pubblica, e lo straniero espulso per un simile motivo (mi domando se ve ne siano in Italia, e se ci sono vi prego, fatevi avanti!) non potrà accedere alla regolarizzazione!

CONSEGUENZE PENALI ED AMMINISTRATIVE PER DATORI DI LAVORO E LAVORATORI

Sono sospesi, dall'entrata in vigore del decreto fino alla conclusione del procedimento di emersione, i procedimenti penali e amministrativi nei confronti del datore di lavoro per l’impiego di lavoratori per i quali è stata presentata la dichiarazione di emersione, anche se di carattere finanziario, fiscale, previdenziale o assistenziale. Sono inoltre sospesi, sempre dall'entrata in vigore del decreto fino alla conclusione del procedimento di emersione, i procedimenti penali e amministrativi nei confronti del lavoratore per l’ingresso e il soggiorno illegale nel territorio nazionale.

Non sono invece sospesi per il datore di lavoro i procedimenti penali per:
a) favoreggiamento dell'immigrazione clandestina verso l'Italia e dell'immigrazione clandestina dall'Italia verso altri Stati o per reati diretti al reclutamento di persone da destinare alla prostituzione o allo sfruttamento della prostituzione o di minori da impiegare in attività illecite, nonché per il reato di cui all’art.600 del codice penale;
b) intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ai sensi dell'articolo 603-bis del codice penale.

La sospensione cessa se:
a) non viene presentata alcuna istanza (si presume entro il termine ultimo per la presentazione, cioè il 15 luglio 2020)
b) l'istanza di regolarizzazione viene rigettata o archiviata, anche per mancata presentazione delle parti (datore di lavoro e lavoratore) alla convocazione presso lo Sportello unico per l'immigrazione per la firma del contratto di soggiorno.

Se l'esito negativo della procedura di regolarizzazione deriva da cause indipendenti dalla volontà o dal comportamento del datore di lavoro, i procedimenti penali e amministrativi a suo carico saranno comunque archiviati.
Altrettanto non è invece previsto per lo straniero, per cui se la procedura ha esito negativo, i procedimenti penali e amministrativi per ingresso e il soggiorno illegale nel territorio nazionale proseguiranno e non verranno archiviati.

La sottoscrizione del contratto di soggiorno, la comunicazione obbligatoria di assunzione e il rilascio del permesso di soggiorno estinguono i reati di cui sopra e gli illeciti amministrativi contestati o contestabili.

Per gli stranieri che abbiano fatto richiesta del permesso di soggiorno temporaneo, l'estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi consegue esclusivamente al rilascio del permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

IPOTESI DI REATO E SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LAVORO NERO

Se un datore di lavoro inizia un rapporto di lavoro irregolare con un lavoratore straniero in possesso del permesso di soggiorno temporaneo, le sanzioni per il datore di lavoro sono raddoppiate e la pena prevista per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro è aumentata da un terzo alla metà.

CONSEGUENZE DI DICHIARAZIONI E ATTESTAZIONI FALSE

Il contratto di soggiorno stipulato sulla base di un’istanza contenente dati non rispondenti al vero è nullo ai sensi dell'articolo 1344 del codice civile. In tal caso, il permesso di soggiorno eventualmente rilasciato è revocato.
La presentazione di false dichiarazioni o attestazioni nell'ambito della procedura di regolarizzazione è punita ai sensi dell'articolo 76 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, salvo che il fatto costituisca reato più grave.
Se il fatto è commesso attraverso la contraffazione o l’alterazione di documenti oppure con l’utilizzazione di uno di tali documenti, si applica la pena della reclusione da uno a sei anni. La pena è aumentata fino ad un terzo se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale.
https://sosonline.aduc.it/scheda/immigrazione+guida+alla+regolarizzazione+stranieri_31210.php

mercoledì 13 maggio 2020

"PERMESSI DI SOGGIORNO, TUTTE LE NOVITÀ DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL DECRETO CURA ITALIA.
PERMESSI DI SOGGIORNO E ALTRI DOCUMENTI:

- I permessi di soggiorno a qualsiasi titolo con scadenza dal 31.1.2020 e per i quali non è stato chiesto il rinnovo o la conversione sono prorogati fino al 31.8.2020.
Ricorda che per legge il rinnovo può essere chiesto entro 60 giorni dalla scadenza, ma ti consigliamo di prendere l'appuntamento in Questura – Ufficio immigrazione il prima possibile dopo il 31.8.2020.
- I permessi di soggiorno per lavoro stagionale in scadenza tra il 23.2.2020 e il 31.5.2020 sono prorogati fino al 31.12.2020.
- I permessi di soggiorno scaduti prima del 31.1.2020 per i quali non sono stati chiesti il rinnovo o la conversione, neppure entro 60 giorni dalla scadenza, non sono prorogati. La legge ti permette di chiedere comunque il rinnovo ma è consigliabile giustificare il ritardo (ad esempio: impossibilità di uscire di casa, malattia).
Se i 60 giorni successivi alla scadenza sono scaduti dopo il 9.3.2020 puoi chiedere il rinnovo giustificando il ritardo con la chiusura della Questura – Ufficio immigrazione disposta dalla circolare del Ministero dell'Interno, n. 20359 del 9.3.2020 e la difficoltà di recarti all'ufficio postale più vicino.
- I titoli di viaggio per stranieri con scadenza dal 31.1.2020 e per i quali non è stato chiesto il rinnovo sono prorogati fino al 31.8.2020.
- I nulla osta per lavoro stagionale e per ricongiungimento familiare con scadenza dal 31.1.2020 sono prorogati fino al 31.8.2020.
- Le autorizzazioni al soggiorno in Italia degli stranieri titolari di permesso di soggiorno rilasciato da altro Stato UE con scadenza dal 31.1.2020 sono prorogate fino al 31.8.2020.
- Le carte di identità, le patenti e altri documenti di riconoscimento o identità con scadenza dal 31.1.2020 sono prorogati fino al 31.8.2020.
- Le tessere sanitarie in scadenza prima del 30.6.2020 sono prorogate fino a tale data, salvo i casi in cui sia già stato richiesto il rinnovo.

DOMANDE DI RINNOVO O CONVERSIONE DEI PERMESSI DI SOGGIORNO E DEI TITOLI DI VIAGGIO PER STRANIERI
Le valutazioni delle domande di rinnovo o conversione dei permessi di soggiorno e dei titoli di viaggio per stranieri presentate prima o successivamente al 31.1.2020 sono state sospese dal 23.2.2020 al 15.5.2020.
La Questura – Ufficio immigrazione deve decidere entro 60 giorni dalla domanda. Per calcolare questo termine, non contare i giorni che vanno dal 23.2.2020 al 15.5.2020. Ricorda che il cedolino o la ricevuta postale con l'appuntamento in Questura costituiscono permesso di soggiorno provvisorio fino alla decisione della Questura e ti consentono di esercitare tutti i diritti che ti sono riconosciuti. Ti consigliamo di non recarti in Questura – Ufficio immigrazione se non è strettamente necessario ma di telefonare per avere aggiornamenti sulla tua domanda.
I termini per chiedere la conversione da permesso di soggiorno per studio a permesso di soggiorno per lavoro subordinato e da permesso di soggiorno per lavoro stagionale a permesso di soggiorno per lavoro subordinato sono prorogati fino al 31.8.2020.

AUDIZIONE IN COMMISSIONE TERRITORIALE, UDIENZE E RICORSI
- Se sei in attesa di ricevere la data di audizione presso la Commissione Territoriale per l’esame della domanda di asilo, ricorda che le Commissioni al momento sono chiuse e ti contatteranno al numero di telefono o all’indirizzo che hai indicato al momento della presentazione della domanda non appena riapriranno gli Uffici.
- Se la tua audizione era fissata nel periodo di chiusura degli Uffici, la Commissione Territoriale ti contatterà al numero di telefono o all’indirizzo che hai indicato al momento della presentazione della domanda non appena riapriranno gli Uffici. Ti consigliamo di non recarti autonomamente presso la Commissione, ma di telefonare per chiedere le informazioni di cui hai bisogno.
- Se sei in attesa di ricevere la decisione della Commissione Territoriale, ricorda che le Commissioni al momento sono chiuse e ti invieranno la decisione all’indirizzo che hai indicato al momento della presentazione della domanda non appena riapriranno gli Uffici.
- Se hai presentato ricorso contro la decisione della Commissione Territoriale o contro il rifiuto di rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari presso il Tribunale Ordinario, ricorda che le udienze sono sospese fino all’11.5.2020. Ti consigliamo di contattare il tuo avvocato per avere le informazioni necessarie.
- Se hai presentato ricorso contro il rifiuto di rilascio del permesso di soggiorno presso Tribunale Amministrativo Regionale (TAR), ricorda che il TAR ha sospeso le udienze fino al 15.4.2020. Ti consigliamo di contattare il tuo avvocato per avere le informazioni necessarie.
- Se hai ricevuto un rifiuto alla domanda di asilo o al rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari e devi proporre ricorso al Tribunale Ordinario, ricorda che il termine di 30 giorni è sospeso dal 9.3.2020 all’11.5.2020. Per calcolare il termine, non contare i giorni che vanno dal 9.3.2020 all’11.5.2020. Ti consigliamo in ogni caso di rivolgerti a un avvocato.
- Se hai ricevuto un rifiuto al rilascio del permesso di soggiorno e devi proporre ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR), ricorda che il termine di 60 giorni è sospeso dall’8.3.2020 al 3.5.2020. Per calcolare il termine, non contare i giorni che vanno dall’8.3.2020 al 3.5.2020. Ti consigliamo in ogni caso di rivolgerti a un avvocato.
A Buon Diritto ONLUS
Via dei Pisoni 57/59, 00175 Roma"   https://www.abuondiritto.it/notizie/2020/notizia/permessi-di-soggiorno-tutte-le-novita-dopo-la-conversione-legge-del-decreto-cura-italia
"Sanatoria migranti, braccianti, colf e badanti: come funziona la regolarizzazione.
Nel Dl Rilancio la regolarizzazione dei migranti e dei braccianti in nero che lavorano nei campi italiani. Sanatoria anche per colf e badanti. Ecco come funziona
13 maggio 2020.
L’accordo sulle regolarizzazioni dei lavoratori stranieri e dei braccianti agricoli è stato raggiunto. Anche per colf e badanti. E anche per gli italiani. “Non per le braccia, ma per le persone. Non era questione di bandierine, ma di dare risposte a chi aspettava da tempo legalità e diritti”, ha twittato intorno a mezzanotte il ministro per il Sud Peppe Provenzano, dopo una lunghissima giornata di trattative con i 5 Stelle.

Dopo la dura opposizione di Vito Crimi che non ne voleva sapere di dare il suo placet alla sanatoria per non dover cedere sullo scudo penale e amministrativo ipotizzato per i datori di lavoro che regolarizzano i braccianti in nero, ecco che l’ok è arrivato. Soddisfatta, naturalmente, la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova, che era persino arrivata a minacciare le dimissioni.

Per quali settori
Una bozza che ha richiesto lunghe discussioni tra le parti e che ha diviso la maggioranza. Ma, alla fine, la quadra è stata trovata.

I settori lavorativi per cui si applica la misura sono agricoltura, allevamento, zootecnia, pesca, acquacoltura, assistenza alle persone affette da patologie o disabilità che ne limitino l’autosufficienza, e lavoro domestico.

Come funziona la regolarizzazione
Per affrontare l’emergenza sanitaria i datori di lavoro che hanno impiegato cittadini stranieri con il permesso di soggiorno scaduto potranno richiederne l’emersione e la regolarizzazione a fronte della stipula di un contratto di lavoro subordinato. Questa misura riguarda anche l’emersione del lavoro nero per lavoratori italiani, precedentemente impiegati in nero.

Potranno accedere alla misura tutti quelli che sono stati identificati con fotosegnalazione prima dell’8 marzo del 2020 o che possono dichiarare di aver risieduto in Italia continuativamente prima di quella data.

Permesso di soggiorno temporaneo
Gli stranieri che hanno un permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 o in scadenza, che non hanno lasciato il Paese prima dell’8 marzo 2020, potranno chiedere un permesso di soggiorno temporaneo per cercare un lavoro. Il permesso di soggiorno temporaneo potrebbe durare dai tre ai sei mesi, ancora da definire.

Se gli stranieri che fanno domanda trovano un lavoro, il permesso di soggiorno temporaneo viene trasformato in un permesso di soggiorno per motivi di lavoro di quattro mesi. Chi intraprende questa procedura deve però dimostrare di aver già lavorato in passato nei settori professionali interessati dal decreto.

Quando e come presentare domanda
Tutte le domande devono essere presentate dal 1 giugno al 15 luglio. Nel caso sia il datore di lavoro a presentare la domanda dovrà versare un contributo forfettario di 400 euro per ciascun lavoratore.

Se invece è lo straniero a presentare la domanda dovrà versare 160 euro.

Le cause di esclusione
Saranno rigettate le domande dei datori di lavoro condannati in passato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina o riduzione in schiavitù, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro o se i lavoratori non saranno assunti in seguito alla regolarizzazione.

Sono esclusi gli stranieri a cui è stato imposto il decreto di espulsione, quelli condannati anche in via non definitiva per uno dei reati previsti dall’articolo 380 del Codice penale, per i delitti contro la libertà personale, per il traffico di stupefacenti, per lo sfruttamento della prostituzione, per il favoreggiamento dell’immigrazione o dell’emigrazione clandestina.

Saranno anche annullate le domande in cui si dichiara il falso." https://quifinanza.it/lavoro/video/sanatoria-migranti-braccianti-colf-badanti-come-funziona-regolarizzazione-dl-rilancio/381936/

sabato 2 maggio 2020

2 Video: „Pensie italiană pentru Moldoveni: cum funcționează, cât trebuie să muncim? Cetățenii non-UE sau returnați în țările lor de origine, regulile pentru pensiile celor care au lucrat în Italia care sunt? Normele generale de pensii pentru străini? Cum și unde să solicitați o pensie? Regulile sunt aceleași pentru toată lumea? La aceste intrebari si altele 40 a raspuns in 2 ore D.ul Vasile Tarita, operator la P.A.T.A.C.L.I din Chișinău, într-un interviu pentru asociația „AssoMoldave” din Roma. Partea întâi a interviului aici: https://www.youtube.com/watch?v=vk1ztxve1SQ Partea II a interviului aici: https://www.youtube.com/watch?v=-YRJoADzLrw Daca aveti alte întrebări catre P.A.T.A.C.L.I puteți contacta la oficiul "Patronato ACLI" Patronato Acli Moldova din R.Moldova, or. Chișinău, str. Șciusev, 102. Tel. 022-238363 uficiu Tel. 067755788 (Vasile) sau 067755799 (Victor), s-au să ne scrieți la următoarea adresă de e-mail: moldavia@patronato.acli.it https://www.facebook.com/patronato.aclimoldova.1 In Italia va puteti adresa pentru orice info. legata de pensie la Patronatul ACLI: https://www.acli.it Aceste interviuri fac parte dintr-un proiect a asociatiei "AssoMoldave" din Roma: "Moldoveni în Italia. Ghid virtual pentru orientarea si integrarea socială a moldovenilor". Presedinte Tatiana Nogailic, Skype: nogailic E-mail: assomoldave@gmail.com Tel. WhatsApp e Viber: 3294754598

venerdì 1 maggio 2020

"ATENTIE! 🔴 Stimați Cetățeni 🔴
Important: reluarea prestării serviciilor consulare ⚠️
Aducem la cunoștință că, începând cu 05 mai 2020, Consulatul Republicii Moldova la Padova își reia activitatea privind prestarea serviciilor consulare publicului.
În acest sens, luînd în considerare că suntem în perioada în care urmează să respectăm cu strictețe normele de securitate și măsurile de protecție sanitară, serviciile consulare vor fi prestate doar în baza programării on-line (cel puțin pe perioada pandemiei).
De menționat că, programarea este o acțiune îndreptată spre binele și siguranța tuturor, prin gestionarea fluxului de cetățeni și evitarea aglomerațiilor, care de regulă există la oficiile noastre consulare.

Beneficiile programării:
✔️ gestionarea timpului personal al Dvs. și evitarea cozilor de așteptare.
✔️ recepționarea confirmării programării pe e-mail, pentru a justifica deplasarea Dvs. spre oficiul consular.
✔️ Primirea serviciului consular în termen restrâns - cca 15-30 minute.

Atenție ‼️😷 În incinta Consulatului vor fi admiși DOAR persoanele programate care trebuie să beneficieze de servicii consulare, cu purtarea OBLIGATORIE a măștilor de protecție și a mănușilor. Persoanele care însoțesc solicitanții serviciilor consulare nu vor avea acces în sediul oficiului consular. Totodată, recomandăm cetățenilor respectarea cerințelor autorităților italiene vis-a-vis de deplasările pe teritoriul Italiei.
La fel, reamintim cetățenilor despre posibilitatea de a beneficia de majoritatea serviciilor consulare prin poștă (excepție: pașapoarte, buletine, procuri), fără a Vă deplasa la Consulat. "

Detalii suplimentare puteti obtine prin intermediul postei electronice a Consulatelor:

Cum să Vă programați⁉️ Accesînd următorul link:👇🏽

https://www.timify.com/it-it/profile/consulatul%20republicii%20moldova%20la%20padova/?v=4&fbclid=IwAR19OTHIC7eURfnu9ZQn3ZqeGPR64zT1pZekQWReu8WxjsKzzHB8bpHhDk8


PADOVA
via Milazzo 22, 35139
Tel: +39049 856 0420; +39049 8736241
Fax: +39 049 723 728
Email: padova@mfa.md
https://padova.mfa.gov.md
https://www.facebook.com/consulatpadova

--------------------------------------------------
Cum să Vă programați⁉️ Accesînd următorul link:👇🏽

https://www.timify.com/it-it/profile/consulatul%20general%20al%20republicii%20moldova%20la%20milano/?v=4

MILANO:
Via Vincenzo Gioberti, 8
20123, CAP- 20123,
Tel. Anticameră:0039 02 36745703
Tel. Secţia consulară:0039 02 36745703
Apeluri de urgenţă:+39 3206108989
E-mail: milano@mfa.md
https://milano.mfa.gov.md
https://www.facebook.com/milano.mfa.md

------------------------------------

Adresa Ambasadei de la ROMA:
str. Francesco Cherubini 27, 00135 Roma
(intrarea la oficiul consular se face prin str. Andrea Angiulli)
email: roma@mfa.gov.md
Telefon de contact cancelarie: + 39 06 45683747
Telefon de urgenţă: +39 3294421091
https://italia.mfa.gov.md/ro


https://www.facebook.com/MoldovainItaly

Moldovean ca mine nu-i...







„Moldovean ca mine nu-i” este un film documentar realizat de Mircea Surdu, despre un tânăr refugiat din Congo, stabilit în Republica Moldova, în satul Pepeni din raionul Sângerei. Serge Mangole este un exemplu pozitiv de incluziune a unui emigrant într-o societate patriarhală conservatoare.


giovedì 23 aprile 2020


 MAEIE îndeamnă cetățenii moldoveni să se informeze privind zborurile charter, care sunt efectuate în scopul repatrierii, exclusiv din surse oficiale, în special de pe pagina web a Autorității Aeronautice Civile (www.caa.md), a Guvernului (www.gov.md), a Ambasadei sau Consulatului Republicii Moldova din țara de reședință.

giovedì 16 aprile 2020

Sunt un cetățean italian în străinătate sau un cetățean străin rezident în Italia, pot să mă întorc în Italia? Da, dacă întoarcerea este o urgență absolută. Este așadar, spre exemplu, permisă întoarcerea cetățenilor italieni sau a străinilor rezidenți în Italia care se află temporar în străinătate (pentru turism, afaceri sau altele). Este, de asemenea, permisă întoarcerea în Italia a cetățenilor italieni constrânși să părăsească în mod definitiv țara în care lucrau sau studiau (deoarece, spre exemplu, au fost concediați, au pierdut locul de cazare, studiile au fost întrerupte definitiv). https://www.esteri.it/mae/resource/doc/2020/04/trad_modulo_rientro_da_estero_28mar20_it_ro_finale.pdf

Sono un cittadino italiano all'estero o uno straniero residente in Italia, posso rientrare in Italia?
Sì, se il rientro è un'urgenza assoluta. È quindi, per esempio, consentito il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all'estero in via temporanea (per turismo, affari o altro). E' ugualmente consentito il rientro in Italia dei cittadini italiani costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano (perché, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto).
Focus: Cetățeni Italieni care vin din străinătate și cetățeni străini în Italia .
Rientro con un volo proveniente dall'estero. Posso prendere un altro volo per altra destinazione? Posso chiedere ad una persona di venirmi a prendere in macchina? Devo rispettare l'autoisolamento anche se non ho sintomi? Dove trovo i moduli per il rientro e per circolare in Italia?🚨 #COVID19 | risposte alle domande frequenti (FAQ) e chiarimenti per chi rientra dall'estero in 🇮🇹 sono disponibili sul sito della #Farnesina Informati qui⤵️
💡Per il rientro dall’estero dei cittadini italiani o stranieri residenti in Italia è stato introdotto, dal 28 marzo scorso, un modulo di autocertificazione dei motivi del viaggio.
Tale modulo: ☑️deve essere consegnato anche all’imbarco.☑️ deve contenere i motivi del viaggio in modo dettagliato (salute, lavoro, necessità assoluta),☑️deve indicare il luogo dove si trascorreranno i successivi 14 giorni di isolamento, il mezzo proprio o privato con cui tale luogo sarà raggiunto e un recapito telefonico anche mobile. ❗️NON sostituisce l’autocertificazione del Ministero dell’Interno con la quale vengono dichiarati gli spostamenti effettuati in Italia.
Per maggiori informazioni e per scaricare il modulo: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

L'Ambasciata rimane attiva nel verificare le possibilità di rientro per i cittadini italiani che abbiano urgente necessità di tornare in Italia. Preghiamo coloro che si trovano in questa situazione di contattarci all’indirizzo amb.chisinau@esteri.it, indicando nell'oggetto: RIENTRO CITTADINO/A ITALIANO/A, fornendo i propri contatti completi e allegando copia del passaporto italiano. Ricordiamo che in base alla normativa in vigore, potranno partire solo coloro che hanno URGENZA ASSOLUTA di rientrare. Per verificare l’idoneità al rientro si possono consultare le seguenti fonti:
- Domande frequenti sul rientro dall'estero https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html
- Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo Italiano (con particolare attenzione alla sezione SPOSTAMENTI). http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa
http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa?fbclid=IwAR1-t-_f9bk5MvhEcP1nSIEFyQ4AeFKU6gnpM9b1T15MiaSRXNp4-9MOC-M