DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

venerdì 9 aprile 2010

Veneto: dalla Regione un dvd informativo per le badanti e le famiglie che le hanno assunte.

Il supporto informatico multilingue contiene gli elementi base per l’assistenza agli anziani ed i diritti e doveri dei lavoratori.

A circa 5.000 famiglie che godono dell’assegno di cura per assistere a casa anziani non autosufficienti con l’ausilio di badanti la Giunta regionale del Veneto sta inviando a domicilio due dvd allo scopo di far conoscere ai familiari e far conoscere alla propria badante gli elementi di base su come effettuare una buona assistenza alla persona anziana non autosufficiente (come fare l’igiene, come alimentare, come mobilizzare, come affrontare le situazioni di emergenza) e quali sono i diritti e doveri previsti dal contratto di lavoro. Il DVD è stato realizzato nelle seguenti lingue: italiano, polacco, russo, spagnolo ed inglese.
Per eventuali informazioni è possibile consultare il sito internet www.venetolavoro.it o contattare l’ente regionale Veneto Lavoro al numero 041 2919311.



Schengen: sì alla libera circolazione degli stranieri extracomunitari in attesa del permesso di soggiorno, purché in possesso di un visto nazionale di lunga durata.

Il 5 aprile è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo che equipara i visti nazionali di lunga durata al permesso di soggiorno ai fini del transito e del soggiorno fino a 90 giorni nei Paesi Schengen.
È entrato il vigore il 5 aprile il regolamento UE n. 265/2010 del 25 marzo 2010 che consente a tutti i cittadini stranieri extracomunitari, regolarmente soggiornanti in un Paese Schengen, di entrare e soggiornare per periodi massimi di 90 giorni a semestre in tutti gli altri Paesi dell’Area, anche se sono in attesa del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, purché siano in possesso di un visto nazionale non scaduto di validità.
Il regolamento, infatti, estende ai visti per soggiorni di lunga durata il principio dell’equipollenza tra permesso di soggiorno e visto per soggiorni di breve durata rilasciato dagli Stati membri che applicano integralmente l’acquis di Schengen.
La modifica del regolamento frontiere si è resa necessaria in quanto gli Stati membri non sempre riescono a convertire entro tempi ragionevoli il visto per soggiorni di lunga durata rilasciato agli stranieri ammessi nei propri territori in permesso di soggiorno affinché questi possano recarsi in altri Stati membri durante il loro soggiorno o transitare dal territorio di altri Stati membri quando tornano nei loro Paesi di origine.
Per quanto riguarda l’Italia - probabilmente il Paese che più degli altri attendeva questa decisione - d’ora in avanti i cittadini stranieri che hanno ottenuto un visto di ingresso di lunga durata (superiore a tre mesi), come ad esempio per lavoro, per ricongiungimento familiare o per studio, e che sono in attesa del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno, durante la validità del visto potranno circolare negli altri Paesi Schengen sia per brevi soggiorni turistici (non oltre 90 giorni), sia per il transito verso e da i propri Paesi.
Le nuove disposizioni riguardano i seguenti Paesi che applicano integralmente la convenzione di Schengen: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Islanda, Norvegia, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Malta e Svizzera. Restano esclusi - almeno per il momento - Regno Unito, Irlanda e Danimarca.
http://www.immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=001630