DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

lunedì 14 marzo 2011

TEST DI ITALIANO PER STRANIERI.

Il test non è l’unico modo di dimostrare la conoscenza della lingua italiana a livello A2.
Chi è già in possesso di:
  • una certificazione di conoscenza dell’italiano di livello A2 (o superiori) rilasciata da uno dei 4 Enti di Certificazione (CELI- Università di Perizia, CILS – Università di Siena, Università di Roma 3, Società Dante Alighieri)
  • un titolo di studio conseguito in Italia (Scuola Media, Scuola Superiore, Laurea) o frequenta un corso di studi presso un’università statale o privata, un dottorato di ricerca o un master universitario
deve solo allegare la documentazione relativa alla richiesta di carta di soggiorno di lungo periodo.
Esiste inoltre la possibilità di frequentare presso un CTP un corso di italiano, al termine del quale viene rilasciato un titolo che attesti la conoscenza della lingua italiana ad un livello non inferiore ad A2 del Quadro Comune di Riferimento Europeo. Chi ottiene l’attestato di frequenza non ha l’obbligo di effettuare il test per la lingua italiana.
E’ nell’ambito dei corsi di lingua italiana, realizzati a titolo gratuito, che è stata prefigurata una collaborazione attiva tra istituzione pubblica e volontariato, attraverso intese tra Comitati locali EDA e Coordinamento delle scuole migranti ed anche tra singoli CTP e singole Scuole aderenti alla Rete. Tali intese possono prevedere, tra l’altro, monitoraggio congiunto della domanda, scambio di informazioni, realizzazione di corsi coordinati e collaborazione su sedi, aule e materiali didattici, al fine di fornire risposte tempestive e adeguate alle richieste di formazione linguistica dei cittadini immigrati.
Lo straniero extracomunitario che vuole/deve sostenere il test deve:
1) iscriversi on line al sito www.testitaliano.interno.it. I patronati e le organizzazioni di volontariato forniscono un supporto all’iscrizione on line, al fine di evitare errori nella compilazione;
2) attendere che, entro il termine massimo di 60 giorni, la Prefettura verifichi la regolarità della domanda e comunichi al richiedente il luogo, la data e l’orario di svolgimento del test;
3) recarsi al CTP per sostenere la prova con Passaporto e Permesso di soggiorno.
Il test si articola in tre prove: comprensione orale, scritta ed elaborazione di un testo in base all’argomento indicato. Ha una durata di 60 minuti.
L’esito del test viene inserito entro tre giorni sul sito, dopo essere stato  comunicato dal CTP per via informatica agli Uffici della Prefettura. Sono gli stessi Uffici che lo inseriscono nella documentazione dello straniero richiedente la carta di soggiorno di lungo periodo.
Nel caso non si sia superato il test si può ripetere la prova, ma è necessario presentare nuovamente la domanda. Alcuni CTP hanno deciso di attribuire crediti parziali collegati al superamento di una delle prove che compongono il test di cui tenere conto al tentativo seguente.
E’ importate ricordare che il superamento del test vale esclusivamente ai fini della richiesta della carta di soggiorno. Non ha valore o spendibilità in ambito scolastico, formativo, lavorativo, ecc.