DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

venerdì 31 ottobre 2008



COMUNICATO STAMPA


Dossier Statistico Immigrazione 2008


“Soggiorno, lavoro e integrazione” sono le impostazioni operative alla luce dei numeri secondo la Caritas .
“Il numero degli immigrati e il ritmo della loro crescita – spiega Franco Pittau, coordinatore del Dossier Statistico Immigrazione - impongono che le procedure burocratiche per il soggiorno siano più agibili. Attualmente i termini di legge costituiscono un ‘diritto di carta’ e, non essendo rispettati, sono di grave pregiudizio nell’educazione alla legalità e nel perseguimento di una strategia concreta di accoglienza”.
Sono numerosi, secondo la Caritas, le situazioni critiche: “l’acquisizione dei documenti necessari per il disbrigo delle pratiche è diventata una sorta di corsa a ostacoli, costosa in termini di tempo e di soldi. Pensiamo ai visti, ai permessi di soggiorno, ai ricongiungimenti familiari, alle pratiche per la cittadinanza e a diversi altri impedimenti”. Le procedure per l’inserimento nel mondo del lavoro “erano già problematiche al momento della loro introduzione nel 1986 e lo sono diventate ancor di più a partire dal 2002, quando sono state rese più rigorose, anche perché nel frattempo è aumentato notevolmente il numero degli immigrati di cui gestire il collocamento. È lo stesso decreto annuale sui flussi a registrare le sacche di irregolarità che si formano”.
Proprio alla luce dell’esperienza dei decreti flussi, la Caritas torna a chiedere la reintroduzione della “venuta per la ricerca del posto di lavoro” che aiuterebbe a rispondere sia alle esigenze dei controlli di polizia che alla flessibilità dell’incontro tra domanda e offerta. Nelle conclusioni del suo intervento, Franco Pittau sottolinea che “le statistiche evidenziano normative inefficaci o inopportune, comportamenti lesivi della legge, atti di discriminazione e di razzismo” per questo la Caritas chiede miglioramenti che evitino di trasformare l’immigrazione in una “realtà periferica”.
On-line la sintesi del Dossier, i capitoli integrali di Roma e Lazio e gli interventi dei relatori nel convegno di presentazione >>>