DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

martedì 16 agosto 2011



Progetto "A.R.T.E.M.I.S".
 

Come nel resto d’Europa, anche in Italia l’accesso ai servizi socio-sanitari inizia ad essere considerato un indicatore di livello primario di integrazione dei migranti, al quale va prestata la massima attenzione soprattutto perché si continua ad osservare una persistente difficoltà da parte di cittadini stranieri nell’accesso e nella fruizione delle prestazioni sanitarie, in particolare per la medicina preventiva e la prevenzione sanitaria.
L’utilizzo della mediazione linguistico culturale all’interno dei servizi ha rappresentato, sia in Europa che in Italia, un rinforzo all’utilizzo dei servizi da parte dei migranti, ma tale dispositivo incontra alcuni ostacoli, come la difficoltà di una attuazione conforme a un modello standard – quale quello del progetto Migrant Frendly Hospital (OMS). Da qui il bisogno di identificare un modello di intervento territoriale a supporto della mediazione culturale all’interno dell’ospedale. L’associazionismo straniero, essendo un forte riferimento sul territorio soprattutto nei primi anni di permanenza, ha le potenzialità per divenire nell’ambito socio-sanitario un efficace strumento di supporto alla mediazione culturale.
Nell’ambito di queste riflessioni, prende vita il progetto Artemis, promosso dal Ministero della Salute, coordinamento scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità – Centro Nazionale AIDS, in partenariato con l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e Albero della Salute – Struttura di Riferimento della Regione Toscana per la Promozione della salute dei migranti. Questo progetto è connesso al modello, creato e sperimentato in UK, di promozione dell’health literacy attraverso l’Educatore di Salute di Comunità, una nuova figura di leader di comunità, in grado di rilevare il bisogno, trasmettere conoscenze e indirizzare i migranti ai servizi sanitari. Artemis ha dato l’opportunità a 40 leader di associazioni di migranti di sperimentare un percorso formativo finalizzato alla promozione della figura dell’Educatore di Salute di Comunità, di conoscere e confrontarsi con i referenti dei servizi sanitari e sperimentare attraverso delle iniziative territoriali delle modalità di avvicinamento delle comunità di migranti ai temi della salute e della prevenzione, nell’ottica di facilitare la progettazione di interventi di promozione della salute da parte delle associazioni migranti, in concertazione con enti locali e servizi sanitari del territorio.

http://www.progettoartemis.com​/associazioni/roma/assomoldave​