DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

mercoledì 4 marzo 2009

COMUNICATO STAMPA

Figli di immigrati, nati in Italia .
Tavola rotonda Osservatorio sociale Ugl
7 maggio 2009-ore 16.30

Residenza di Ripetta, sala Bernini
Via di Ripetta 231 - Roma


“Figlio di immigrati, nato in Italia: cittadino italiano? quando e come?” è il titolo della tavola rotonda promossa dall’Osservatorio Ugl sui fenomeni sociali, coordinato da Eugenio Cardi, che si terrà a Roma il 7 maggio alle ore 16.30 presso la Residenza di Ripetta (Sala Bernini).
Un focus sulle cosiddette Seconde Generazioni, ragazzi nati in Italia, figli di immigrati: studiano nel nostro Paese, parlano la nostra lingua e i nostri dialetti, molto probabilmente non sono nemmeno mai stati nel paese d’origine dei loro genitori né – spesso – ne parlano la lingua. Eppure non sono riconosciuti cittadini italiani come tutti gli altri. Per ottenere la Cittadinanza italiana devono infatti sottoporsi – al compimento del 18° anno di età – ad un iter burocratico lungo e complesso, che non sempre termina con esiti positivi per il richiedente, con conseguenti e inevitabili gravi problemi di inserimento sociale e di identità.
Ne discuteranno qualificati rappresentanti del mondo istituzionale, sindacale, di quello cattolico e dell’immigrazione:
Mons. Vittorio Nozza, Direttore Caritas Italiana, Mario Morcone, Capo Dipartimento Libertà civili e immigrazione del Ministero dell’Interno, Giovanni Puglisi, Presidente Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Savino Pezzotta, Presidente CIR, Mussie Zerai, Presidente Agenzia Habeshia, Valerio Savio, magistrato, Mohamed Tailmoun, Portavoce Rete G2 (
www.secondegenerazioni.it).
A moderare i lavori, introdotti da Eugenio Cardi, Karima Moual. Le conclusioni saranno affidate al Segretario Generale dell’Ugl, Renata Polverini.

L’iniziativa si propone di amplificare l’informazione su una contraddizione politica e sociale e insistere sulla necessità di una riforma della legge sulla Cittadinanza n. 91/1992 per eliminare una ingiusta disuguaglianza tra cittadini italiani.
Sono ad oggi, infatti, circa 530.000 gli immigrati di seconda generazione che vivono tale disagio, un fenomeno destinato a crescere in modo esponenziale nei prossimi anni, dato che le nuove nascite si attestano su circa 50.000 l’anno. E’ una questione di civiltà; come nel resto di gran parte d’Europa, è ormai il caso di adottare anche in Italia il concetto giuridico dello “ius soli”, in sostituzione di quello superato dello “ius sanguinis”.
La tavola rotonda vedrà il contributo di testimonianze dirette di giovani appartenenti alle Seconde Generazioni:come quella di Loretta Grace (cantante) e di Sonia Van Arkadie (studentessa).

L’iniziativa è realizzata con il Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO e in collaborazione con Associazione Culturale PUNTOEACAPO (www.associazionepuntoeacapo.it); Associazione Culturale Genemaghrebina (www.genemaghrebina.it); Associazione fotografica bianco e nero, l’immagine latente; SOCIALNEWS (www.socialnews.it).
Per maggiori informazioni:
Osservatorio UGL sui fenomeni sociali, Roma, Via Margutta 19
tel. 06.32482277 – mail:
osservatoriosociale@ugl.it
Ufficio Stampa Ugl
Tel. 06.32482246 – mail:
ufficiostampa2@ugl.it



CORSO
Non sono razzista, ma...
Roma, dal 25 marzo al 10 giugno
Fondaz. Centro Astalli, Via Collegio Romano 1
Il Centro Astalli organizza un corso di formazione dal titolo "non sono razzista, ma..." rivolto a volontari e operatori impegnati nei servizi all’immigrazione.
Obiettivo del percorso formativo riflettere sui più diffusi pregiudizi e luoghi comuni.
Programma degli incontri
Mercoledì 25 marzo, ore 18 I clandestini sono pericolosi e gli zingari sono tutti ladri. Relatori: Angelo Caputo (Magistratura Democratca) - Paolo Morozzo Della Rocca (Comunità di S.Egidio).
Mercoledì 15 aprile, ore 18 I musulmani sono terroristi. Relatore: Elzir Ezzedine (imam di Firenze).
Mercoledì 13 maggio, ore 18 Gli africani non hanno cultura. Relatori: Ingy Mubiay Kekese (scrittrice) - Jorge Canifa Alves (scrittore).
Mercoledì 10 giugno, ore 18 Ma lo dice anche la tv! Relatori: Gianni Riotta (direttore TG1) - Gian Antonio Stella (editorialista Corriere della Sera) - Laura Boldrini (portavoce UNHCR Italia).
Info: Tel. 06 69 92 50 99 - E-mail - Website