DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave

DONA IL 5 per MILLE a AssoMoldave
codice fiscale 97348130580
Un om informat este protejat!

"AssoMoldave"

CV di "AssoMoldave"

CINE SUNTEM?


CHI SIAMO?

http://asomoldave.blogspot.com



VIDEO "AssoMoldave"

Loading...

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".

PROIECT: "MOLDOVENI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_moldavi

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".

PROGETTO: "MOLDAVI IN ITALIA".
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/ghid_2_pentru_migrantii_moldoveni_italia

MOLDOVENI IN ITALIA. III editie.

MOLDOVENI IN ITALIA.  III editie.
Ghid pentru orientarea şi integrarea socială a moldovenilor în Italia. Acest Ghid poate fi descarcat aici:http://issuu.com/tatiananogailic/docs/guida_2014_assomoldave

OSPITI DI LABOR TV

domenica 16 novembre 2008


NEWS
Immigrazione e stato civile: senza permesso di soggiorno niente matrimonio.
Con l’approvazione dell’emendamento 3.0.4 (testo 2) al decreto sicurezza, il Senato vieta per il futuro il matrimonio degli stranieri irregolari. La strategia “antifrode” dell’Italia si discosta dalle scelte degli altri Paesi europei e potrebbe rivelarsi in contrasto con la Convenzione europea dei diritti fondamentali dell’uomo.La mancanza di ulteriori requisiti ha certamente contribuito a favorire il fenomeno dei matrimoni di comodo, soprattutto di quelli con il cittadino italiano finalizzati al conseguimento sia del titolo di soggiorno che della stessa cittadinanza italiana. Per mettere un freno agli abusi il Senato ha scelto la soluzione più semplice: l’ufficiale di stato civile non potrà celebrare o trascrivere il matrimonio religioso se il subendo straniero non attesta la regolarità del suo soggiorno in Italia. Ciò significa che i cittadini extracomunitari, dovranno esibire il passaporto con il visto d’ingresso e timbro della polizia di frontiera o copia della dichiarazione di soggiorno presentata in questura - se in Italia per turismo - ovvero, negli altri casi, il permesso di soggiorno o la ricevuta postale (o della questura) attestante l’avvenuta richiesta, nei termini, del rilascio o del rinnovo del titolo.Proprio la lettura di questo articolo della Convenzione fa sorgere il fondato dubbio che la proibizione assoluta e generalizzata del matrimonio del cittadino straniero, unicamente a causa della mancanza di un documento attestante la regolarità del soggiorno nel territorio italiano, possa costituire una ingerenza sproporzionata e non giustificata dello Stato rispetto all’esercizio di un diritto che l’ordinamento internazionale riconosce come fondamentale.(Raffaele Miele)
http://www.immigrazioneoggi.it/daily_news/2008/novembre/10_1.html